ESG

  • Nuova proroga per plastic tax

Nuova proroga per Plastic Tax

L’operatività della plastic tax, tributo introdotto dalla Legge Bilancio 2020 per disincentivare l’uso di imballaggi e contenitori per cibi e bevande in plastica monouso, dopo vari rinvii è attualmente prevista a partire da luglio 2024 ma mancano ancora i provvedimenti attuativi e una nuova proroga la farebbe slittare a metà del 2026.

by |23 Mag 2024|Ambiente, ESG|
  • Tante novità nel Regolamento UE Imballaggi sempre più vicino

Tante novità nel Regolamento UE Imballaggi, sempre più vicino!

Il 24 aprile 2024 il Parlamento Europeo ha approvato la proposta del nuovo Regolamento Europeo su Imballaggi e Rifiuti di imballaggi che mira a ridisegnare in modo sostanziale il quadro degli adempimenti applicabili in materia di packaging e che, se approvato dal Consiglio UE, avrà un impatto significativo per produttori, importatori e distributori di imballaggi e merci imballate. Cosa prevede?

by |22 Mag 2024|Ambiente, ESG, Sistemi di gestione e 231|
  • NOVITA’ IN MATERIA DI ECONOMIA CIRCOLARE: APPROVATO IL REGOLAMENTO ESPR

Novità in materia di economia circolare: approvato il Regolamento ESPR

Le iniziative sui prodotti sostenibili hanno l’obiettivo di garantire che entro il 2030 una parte significativa dei prodotti a disposizione dei consumatori dell'UE sia progettata in modo da essere durevole, efficiente sotto il profilo energetico e delle risorse, riparabile, riciclabile e fabbricata prediligendo materiali riciclati. Lo scorso aprile 2024 il Parlamento europeo ha raggiunto un accordo sul Regolamento ESPR (Ecodesign for Sustainable Products Regulation), che imporrà alle aziende il rispetto di specifici requisiti qualitativi in materia di eco-progettazione, eco-design e di informazione.

by |22 Mag 2024|Ambiente, ESG|
  • Lombardia – Nuove autorizzazioni generali per impianti con emissioni in deroga

Lombardia – Nuove autorizzazioni generali per impianti con emissioni in deroga

Gli impianti ed attività con emissioni in atmosfera in deroga ai sensi dell’art. 272 c. 2 del D.Lgs. 152/06 ss.mm.ii. godono di un regime autorizzativo semplificato, in quanto trattasi di attività cosiddette “a ridotto inquinamento atmosferico”. Per questi impianti e attività, l’autorizzazione alle emissioni si ottiene comunicando di aderire a modelli di autorizzazione in via generale approvati dalle Regioni. Regione Lombardia ha aggiornato le norme per l’adesione all’autorizzazione in via generale e molti impianti già autorizzati con regime in deroga si troveranno a dover presentare la domanda di rinnovo della propria autorizzazione entro il 2024, dal momento che le autorizzazioni durano 15 anni e che le norme ora vigenti risalgono in gran parte al 2009.

by |22 Mag 2024|Ambiente, ESG|
  • Misure di eco-design a confronto fra Conai e normative europee

Misure di eco-design a confronto tra Conai e normative europee

Alcuni Stati europei, come Italia, Francia e Spagna, hanno già introdotto delle misure per promuovere l’eco-design dei sistemi di imballaggio, cioè la progettazione di imballaggi con migliori prestazioni ambientali. Il nuovo Regolamento Imballaggi, approvato dal Parlamento europeo in data 24/04/24, potenzia questo concetto, rendendolo requisito di legge. Approfondiamo le disposizioni ora vigenti nei diversi Stati e che cosa è previsto per il futuro.

by |22 Mag 2024|Ambiente, ESG, Sistemi di gestione e 231|
  • Ecolabel per strutture ricettive e campeggi

Turismo sostenibile – Ecolabel per strutture ricettive e campeggi

Per testimoniare il ridotto impatto ambientale delle strutture ricettive, i soggetti che operano all’interno del settore turistico possono decidere di adottare il marchio UE Ecolabel. L’etichetta viene conferita ai siti che rispettano determinati criteri di sostenibilità e che testimoniano quindi prestazioni ambientali di eccellenza. Le strutture che decidono volontariamente di dotarsi di questo marchio possono ottenere numerosi vantaggi legati all’implementazione di misure di eco-efficienza, oltre che a benefici di tipo reputazionale e ad una maggiore competitività all’interno di un settore sempre più attento a tematiche di sostenibilità.

by |10 Mag 2024|Ambiente, ESG, Sistemi di gestione e 231|
  • Certificazioni e sistemi di gestione per la sostenibilità del turismo

Turismo sostenibile e la Certificazione GSTC

I cambiamenti nelle preferenze dei consumatori e l’attenzione sempre maggiore relativa a tematiche di sostenibilità, spingono le aziende operanti nel settore turistico verso l’implementazione di pratiche volte alla riduzione dei propri impatti negativi sull’ambiente. La certificazione internazionale GSTC, che costituisce un fattore premiante nel posizionamento delle strutture sulle piattaforme OTA (Online Travel Agencies), rappresenta una delle soluzioni che gli operatori turistici possono implementare per attestare il proprio impegno nella transizione verso un sistema economico sostenibile.

by |17 Apr 2024|Ambiente, ESG, Sistemi di gestione e 231|
  • Prodotti forestali e a impatto deforestazione: cosa chiede il nuovo Regolamento EUDR

Prodotti forestali e a impatto deforestazione: cosa chiede il nuovo Regolamento EUDR

Il Regolamento EUDR (Regolamento UE 2023/1115) sostituisce l’attuale Regolamento EUTR, estendendo l’ambito di applicazione anche a prodotti che possono causare deforestazione o degrado forestale come legno, caffè, cacao, gomma, bovini, soia e palma da olio. Le aziende soggette al Regolamento dovranno implementare un sistema di dovuta diligenza, in assenza del quale le merci interessate non potranno più attraversare le dogane europee a partire dal 30 dicembre 2024.

by |17 Apr 2024|Ambiente, ESG, Sistemi di gestione e 231|
  • Cambiamenti climatici: le integrazioni agli standard ISO 9001 e ISO 14001

Cambiamenti climatici: le integrazioni agli standard ISO 9001 e ISO 14001

L’organizzazione internazionale per la normazione ha pubblicato due emendamenti che integrano le norme ISO 9001 e ISO 14001, introducendo dei riferimenti specifici riguardanti la tematica relativa alla gestione dei cambiamenti climatici da parte delle aziende. Alle organizzazioni verrà richiesto di analizzare questa materia rispetto al proprio contesto di riferimento e alle aspettative delle parti interessate.

by |16 Apr 2024|Ambiente, ESG, Sistemi di gestione e 231|
  • Supply Chain Act (CSDDD), vicino un accordo sulla due diligence aziendale

Supply Chain Act (CSDDD), vicino un accordo sulla due diligence aziendale

La Corporate Sustainability Due Diligence Directive (CSDDD), nota anche come Supply Chain Act, si propone di diventare un punto di riferimento cruciale per le imprese nell'ambito del perseguimento di tali obiettivi. In data 28 febbraio la CSDDD non aveva ottenuto l’appoggio del Consiglio Europeo. Il 15 marzo i membri dei governi degli Stati Membri si sono accordati. Cosa ne risulta?

by |20 Mar 2024|Ambiente, ESG|