window.dataLayer = window.dataLayer || []; function gtag(){dataLayer.push(arguments);} gtag('js', new Date()); gtag('config', 'G-Z2S8T2PN0G');

PQA informa

PQA informa2022-06-16T09:06:29+02:00
  • Export Germania: a quali imprese italiane si estende l’obbligo di Due Diligence e cosa comporta

Export Germania: a quali imprese italiane si estende l’obbligo di Due Diligence e cosa comporta

14 Feb 2024|ESG|

A partire dall’inizio del 2024, la recente legge tedesca denominata Lieferkettensorgfaltspflichtengesetz (LKSG), che ha imposto l’obbligo di Due Diligence all’interno delle catene di approvvigionamento, è entrata nella sua piena fase di attuazione e ha esteso il suo campo di applicazione ad un maggior numero di aziende tedesche. Le imprese italiane con export in Germania che sono parte di catene di fornitura di aziende tedesche aventi organico di più di 1000 dipendenti, seppure non soggette in modo diretto alla LKSG, sono tenute a risponderne in modo indiretto, adottando azioni di dovuta diligenza, analizzando e gestendo i propri aspetti di sostenibilità sociale e ambientale.

  • Indici di sostenibilità e benchmark: piattaforme di rating a confronto

Indici di sostenibilità e benchmark ESG: piattaforme di rating a confronto

14 Feb 2024|ESG|

Le piattaforme di rating ESG come Ecovadis, Synesgy, Openes ed Ecomate, valutano le performance di sostenibilità delle aziende. Queste metriche richieste da banche, investitori e stakeholders, analizzano tre dimensioni chiave: ambiente, sociale e governance (ESG) e prendono in esame le performance di sostenibilità attraverso un punteggio complessivo. E' importante sapere che la scelta del provider di rating ESG è cruciale perchè può influire sui risultati in quanto ogni fornitore adotta criteri differenti per la propria valutazione. Questo articolo introduce l'approfondimento che faremo durante corso di formazione dedicato.

  • Regolamento UE 2023/1542: la nuova normativa europea sulle batterie per tutta la filiera - seconda parte

Regolamento UE 2023/1542: la nuova normativa europea sulle batterie per tutta la filiera – seconda parte

13 Feb 2024|Ambiente, ESG|

Il Regolamento UE 2023/1542 raccoglie una serie di azioni che, da oggi in poi, interesseranno tutta la filiera comunitaria relativamente alle attività di produzione, uso e smaltimento delle batterie in ottica di maggiore efficienza e conseguente rispetto dell’ambiente. Nella seconda parte della nostra analisi, vedremo nello specifico i vincoli materiali relativi alla raccolta differenziata dei rifiuti da batterie che ricadono sui produttori, suddivisi per le diverse tipologie di prodotto commercializzato.

  • Direttiva CSRD e Standard ESRS: l’evoluzione relativa al contesto italiano

Direttiva CSRD e Standard ESRS: l’evoluzione relativa al contesto italiano

17 Gen 2024|ESG|

Il 22/12/2023 è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Europea il Regolamento delegato (UE) 2023/2772 del 31 luglio 2023 che integra la direttiva 2013/34/UE del Parlamento europeo e del Consiglio in relazione ai principi di rendicontazione di sostenibilità. Il Regolamento descrive le informazioni di carattere sociale, ambientale e di governance su cui le imprese dovranno rendicontare a partire dal 1° gennaio 2024 e per tutti gli anni di esercizio successivi.

  • Regolamento UE 2023/1542: la nuova normativa europea sulle batterie per tutta la filiera

Regolamento UE 2023/1542: la nuova normativa europea sulle batterie per tutta la filiera – prima parte

17 Gen 2024|Ambiente, ESG|

Il Regolamento UE 2023/1542 raccoglie una serie di azioni che, da oggi in poi, interesseranno tutta la filiera comunitaria relativamente alle attività di produzione, uso e smaltimento delle batterie in ottica di maggiore efficienza e conseguente rispetto dell’ambiente. Almeno sulla carta è, tra le altre cose, una risposta ad alcune delle future problematiche dovute alla scelta presa dalla stessa UE di progressiva diminuzione dell’impiego di energie non rinnovabili in ambito di trasporto (uso auto elettriche) e abitativo (progressivo abbandono delle caldaie a gas). Nell’articolo riportiamo la nostra analisi del Regolamento.

  • Cambiamenti climatici: nuove misure per il contrasto e la transizione sostenibile

Cambiamenti climatici: nuove misure per il contrasto e la transizione sostenibile

17 Gen 2024|ESG|

Il ministero dell'Ambiente e della sicurezza energetica ha approvato, con decreto n.434 del 21 dicembre, il Piano nazionale di adattamento ai cambiamenti climatici. Si tratta di un documento che ha l’obiettivo di fornire strumenti alle aziende italiane nello sviluppo di strategie di resilienza alla crisi climatica. In questo contesto, risulta rilevante un’ulteriore misura di recente applicazione, relativa alla norma ISO 14068 sulla neutralità carbonica, che offre alle imprese una guida per comprendere le modalità di quantificazione, monitoraggio, rendicontazione, convalida e verifica delle emissioni di gas serra e per la validazione della carbon neutrality.

Iscriviti alla nostra newsletter

riceverai una volta al mese una mail con i più significativi aggiornamenti riguardanti le tematiche del nostro lavoro suddivise per categoria: consulenza ambientale, salute e sicurezza sul lavoro, sistema di gestione, modelli organizzativi, consulenza privacy e formazione.

(leggi l'informativa)

2211, 2023
  • EcoDTool di Conai, Eco-design e circolarità

“Non farti imballare!” EcoDTool di CONAI, Eco-design e circolarità per la European Week for Waste Reduction

22 Nov 2023|Ambiente, ESG|

In occasione dell’apertura della 15esima edizione della Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti dal 18 al 26 novembre, lanciata alla fiera Ecomondo di Rimini il 10 novembre, approfondiamo alcuni aspetti strettamente connessi al tema principe per il 2023: l’impatto ambientale del packaging e l’eco-design come strumento di prevenzione. Il software EcoDTool messo a disposizione da Conai in forma gratuita risulta un’interessante proposta per misurare la sostenibilità ambientale e la circolarità di un imballaggio e per rendicontare le azioni intraprese in linea con le leve di eco-design.

3010, 2023
  • Whistleblowing: le nuovissime linee guida di Confindustria

Whistleblowing: scarica le nuovissime linee guida di Confindustria

30 Ott 2023|Sistemi di gestione e 231|

In vista dell'imminente scadenza del 17 Dicembre 2023, data in cui le imprese da 50 a 249 dipendenti avranno l’obbligo di uniformarsi alle regole del D.Lgs. 24/2023 riguardante "la protezione delle persone che segnalano violazioni del diritto dell’Unione", Confindustria ha pubblicato le Linee Guida appositamente riservate alle sole imprese ed enti privati.

1910, 2023
  • REACH: Stretta dell'Ue sulle microplastiche che impattano su settori economici trasversali

REACH: Stretta dell’Ue sulle microplastiche che impattano su settori economici trasversali

19 Ott 2023|Ambiente, ESG, Reach/CLP - Sicurezza prodotti|

Il 17 Ottobre è entrato in vigore il Nuovo Regolamento europeo sulle Microplastiche che introduce importanti restrizioni all'immissione sul mercato che impattano su settori economici trasversali come il settore cosmetico, sportivo, decorativo, pallet in materiale plastico, settore agricolo, detergenza, florovivaistico, medico ecc..

1809, 2023
  • Notifica ai centri antiveleni e UFI per miscele pericolose entro gennaio 2024

Notifica ai centri antiveleni e UFI per miscele pericolose ad uso industriale, manca poco alla scadenza!

18 Set 2023|Reach/CLP - Sicurezza prodotti, Salute e Sicurezza|

Si avvicina l’ultima data di scadenza prevista per la notifica ai Centri Antiveleni delle miscele pericolose immesse sul territorio europeo, tali quali o in combinazione con articoli, e per l’inserimento in etichetta del codice UFI. Dal 1° gennaio 2024, anche per le miscele pericolose ad uso esclusivo industriale sono obbligatorie la trasmissione della notifica PCN, Poison Centre Notification, e la stampa dell’UFI in etichetta, prima dell’immissione sul mercato.