window.dataLayer = window.dataLayer || []; function gtag(){dataLayer.push(arguments);} gtag('js', new Date()); gtag('config', 'G-Z2S8T2PN0G');
Salute e Sicurezza sul Lavoro

D.V.R. – Documentazione di Valutazione dei Rischi

Il Documento di Valutazione dei Rischi per la sicurezza e la salute sul lavoro, cuore del sistema di gestione del rischio in azienda, viene redatto ai sensi degli art. 17 e 28 del D.Lgs. 81/08 secondo un processo sistematico, ma con applicazione dei metodi più efficaci in finzione della tipologia e della complessità aziendale e dei rischi.

Dalle situazioni più semplici alle analisi dei rischi di impianti industriali alle valutazioni del rischio di aziende secondo la norma ISO 45001, PQA sviluppa documenti che identificano i pericoli, valutano e ponderano i rischi con identificazione di priorità, permettono di prendere decisioni sulle misure preventive da adottare, sulla pianificazione degli interventi di trattamento nonché di controllare e riesaminare il processo di valutazione. Valutazioni specifiche di ciascun rischio vengono condotte secondo le norme tecniche applicabili.

Scegliere un RSPP esterno o formare un RSPP interno
L’allegato II del D.Lgs. 81/08 individua i casi per i quali sussiste la possibilità per il Datore di Lavoro di assumere egli stesso il ruolo di Responsabile del Sistema di Prevenzione e Protezione (RSPP), frequentando i corsi di formazione previsti dall’Accordo Stato-Regioni del 21/12/11, aventi durata diversa a seconda del codice ATECO aziendale.
Nel caso il Datore di lavoro non possegga i requisiti formativi richiesti o non siano rispettate le condizioni previste dall’allegato II, il Datore di lavoro ha l’obbligo di incaricare un RSPP. interno o esterno, in possesso di capacità e requisiti professionali adeguati alla natura dei rischi e delle attività lavorative. Il ricorso a persone esterne diventa obbligatorio in assenza di dipendenti che all’interno dell’azienda siano in possesso dei requisiti di tali requisiti, così come specificato dall’art. 31 c.4 del D.Lgs. 81/08.
L’incarico a RSPP esterno è invece vietato nei casi elencati all’art. 31, c. 6 del D.Lgs. 81/08.

Supporto redazione DVR per inizio Nuova attività
In caso di costituzione di nuova impresa, laddove sono impiegati uno o piu’ lavoratori, il datore di lavoro deve elaborare il documento di valutazione dei rischi entro novanta giorni dalla data di inizio della propria attività. Si ricorda che la definizione di lavoratore data dall’art. 2 c.1 del D.LGs. 81/08 è molto ampia e prescinde dalla tipologia di contratto e retribuzione (sono compresi i lavoratori dipendenti, i lavoratori a chiamata/voucher, i tirocinanti, i volontari, gli allievi di istituti formativi nel caso di utilizzo di attrezzature o laboratori. Sono esclusi i lavoratori autonomi).
I documenti necessari per la sicurezza sono variabili a seconda della tipologia di attività. Indicativamente, comprendono:

  • SCIA (che puo’ comprende la segnalazione di aspetti ambientali e di sicurezza)
  • Certificato di prevenzione incendi (se soggetti)
  • Documento di valutazione dei rischi
  • Piano di emergenza (se richiesto)
  • Certificati di conformità impianti
  • Denuncia di impianto di messa a terra
  • Certificati CE /Dichiarazione conformità all.V del D.Lgs.81/08 per le attrezzature e Libretti di uso e manutenzione delle attrezzature
  • Denuncia all’INAIL dei recipienti a pressione (se soggetti),
  • Denuncia a INAIL di apparecchi di sollevamento (se soggetti),
  • Schede di sicurezza dei prodotti chimici usati;
  • Protocollo Covid-19
  • Protocollo sanitario (se soggetti a visite mediche);
  • Attestati di formazione per Datore di lavoro, lavoratori e altre figure per la sicurezza (addetti antincendio, addetti primo soccorso)

Le ultime dal mondo SALUTE e SICUREZZA

1809, 2023
  • Notifica ai centri antiveleni e UFI per miscele pericolose entro gennaio 2024

Notifica ai centri antiveleni e UFI per miscele pericolose ad uso industriale, manca poco alla scadenza!

Si avvicina l’ultima data di scadenza prevista per la notifica ai Centri Antiveleni delle miscele pericolose immesse sul territorio europeo, tali quali o in combinazione con articoli, e per l’inserimento in etichetta del codice UFI. Dal 1° gennaio 2024, anche per le miscele pericolose ad uso esclusivo industriale sono obbligatorie la trasmissione della notifica PCN, Poison Centre Notification, e la stampa dell’UFI in etichetta, prima dell’immissione sul mercato.

Iscriviti alla nostra newsletter!

riceverai una volta al mese una mail con i più significativi aggiornamenti riguardanti le tematiche del nostro lavoro suddivise per categoria: consulenza ambientale, salute e sicurezza sul lavoro, sistema di gestione, modelli organizzativi, consulenza privacy e formazione.

(leggi l'informativa)

Ci hanno scelto