window.dataLayer = window.dataLayer || []; function gtag(){dataLayer.push(arguments);} gtag('js', new Date()); gtag('config', 'G-Z2S8T2PN0G');
Ambiente e Sostenibilità

Pratiche di autorizzazione agli scarichi idrici

HomeServiziAmbiente e Sostenibilità: i nostri serviziPratiche di autorizzazione agli scarichi idrici
La normativa vigente in ambito ambientale prevede l’obbligo di conseguire l’autorizzazione per gli scarichi idrici.

Ai sensi della normativa vigente (Parte III del D.Lgs 152/06 e ss.mm.ii.), per “scarico” s’intende qualsiasi immissione effettuata tramite un sistema stabile di collettamento che collega, senza soluzione di continuità, il ciclo di produzione del refluo con il corpo ricettore (che può essere un corpo idrico superficiale, il suolo, il sottosuolo o la rete fognaria), indipendentemente dalla natura inquinante, anche sottoposto a preventivo trattamento di depurazione.

L’azienda Progetto Qualità e Ambiente offre il proprio servizio di consulenza per l’avvio delle pratiche atte ad ottenere l’autorizzazione agli scarichi idrici.

In particolare è bene dire che gli scarichi di acque reflue possono essere di processo, di acque meteoriche e di lavaggio o domestici e assimilati. In riferimento agli scarichi idrici, Progetto Qualità e Ambiente offre i seguenti servizi:

  • check up di verifica scarichi idrici e relativi adempimenti tecnico-amministrativi;
  • consulenza e redazione domande di autorizzazione allo scarico acque reflue (meteoriche o di processo) nella rete fognaria o in corpi superficiali presso i rispettivi organi competenti;
  • campionamenti ed analisi degli inquinanti;
  • predisposizione registri di manutenzione degli impianti;
  • gestione delle scadenze delle autorizzazioni degli scarichi idrici.

AMBIENTE: tutti i servizi

Le ultime dal mondo AMBIENTE

2909, 2022
  • Direttiva SUP (Single Use Plastic) – pubblicate le linee guida CONAI

Direttiva SUP (Single Use Plastic) – linee guida CONAI

Le recenti linee guida del CONAI incentrate sul tema dei Prodotti in Plastica Monouso denominati SUP (Single Use Plastic) hanno fornito chiarimenti alle imprese sulla corretta interpretazione della normativa italiana in materia, in particolar modo del D.Lgs. 196/21, che è entrato in vigore a gennaio 2022 portando con sé diverse incertezze interpretative. Ripercorriamo insieme i principali elementi di chiarezza forniti da CONAI.

Iscriviti alla nostra newsletter!

riceverai una volta al mese una mail con i più significativi aggiornamenti riguardanti le tematiche del nostro lavoro suddivise per categoria: consulenza ambientale, salute e sicurezza sul lavoro, sistema di gestione, modelli organizzativi, consulenza privacy e formazione.

(leggi l'informativa)

Ci hanno scelto