window.dataLayer = window.dataLayer || []; function gtag(){dataLayer.push(arguments);} gtag('js', new Date()); gtag('config', 'G-Z2S8T2PN0G');
Ambiente e Sostenibilità

Notifica banca dati SCIP (ECHA)

HomeServiziAmbiente e Sostenibilità: i nostri serviziNotifica banca dati SCIP (ECHA)
E’ stata di recente attivata la banca dati SCIP, il database che contiene le informazioni sulle sostanze preoccupanti SVHC nei prodotti e che di fatto introduce un nuovo obbligo per le aziende coinvolte.

In ottica di economia circolare, la Commissione Europea con l’Agenzia Europea della Chimica (ECHA), stanno attuato una politica normativa orientata tutela dell’uomo e dell’ambiente attraverso programmi di gestione delle sostanze chimiche. Istituita in ottemperanza all’articolo 33 del Regolamento REACH (Regolamento CE n° 1907/2006) e alla Direttiva quadro sui Rifiuti, la banca dati SCIP introduce l’obbligo una nuova comunicazione all’ECHA per garantire la tracciabilità delle sostanze estremamente preoccupanti (SVHC) nell’ambito dell’intero ciclo di vita dei prodotti, per ridurre gli effetti negativi in fase di produzione e di gestione di smaltimento dei rifiuti.

L’obbligo di notifica SCIP si applica a tutti gli articoli immessi sul mercato europeo che contengono una SVHC in una concentrazione superiore allo 0,1% in peso.

L’obbligo riguarda le aziende che producono, assemblano, importano o distribuiscono tali articoli:

  • della produzione di merci;
  • della lavorazione di prodotti grezzi e/o semilavorati;
  • dell’assemblaggio di componenti già prodotti;
  • dell’importazione di materiale/merci da paesi extra-UE;
  • della distribuzione di merci nel mercato UE;

Non invece obbligati coloro che commercializzano prodotti direttamente ai consumatori.

Le aziende devono quindi attivare con una complessa procedura di individuazione degli articoli che contengono una SVHC e reperimento di informazioni: nome, intervallo di concentrazione, ubicazione delle sostanze presenti nell’elenco delle sostanze candidate contenute nell’articolo.

Il nostro Team è preparato supportare le aziende nella complessa procedura di notifica alla banca dati SCIP che è resa ancora più complessa dal fatto che è disponibile sono in lingua inglese

AMBIENTE: tutti i servizi

Ambiente

Siamo partner di fiducia per raggiungere l’adeguamento alla vigente normativa ambientale grazie al monitoraggio costante del panorama legislativo.

Salute e sicurezza

Affianchiamo l’azienda nella gestione della sicurezza e della salute sul luogo di lavoro con etica e responsabilità, competenza ed esperienza.

231 e sistemi di gestione

Offriamo la nostra consulenza alle organizzazioni che intendono implementare “sistemi di gestione” e “modelli 231” con un approccio di tipo “integrato”.

Privacy e
GDPR

Intendiamo far vivere alle aziende la Normativa Privacy come un valore aggiunto alla qualità aziendale a protezione dei dati personali

Richiedi una consulenza personalizzata.

AMBIENTE: tutti i servizi

Le ultime dal mondo AMBIENTE

212, 2022
  • Etichettatura ambientale e plastic tax: le risposte alle domande del webinar e ultime novità

Etichettatura ambientale e plastic tax: le risposte alle domande del webinar e ultime novità

Il 24 novembre 2022 abbiamo organizzato un webinar dedicato a ​​”etichettatura ambientale e plastic tax”, durante il quale sono stati descritti gli adempimenti applicabili in materia di etichettatura ambientale degli imballaggi, che sarà obbligatoria dal 01/01/2023 e, in attesa di un quadro normativo definito, ​​delineato il perimetro applicativo e analizzato cosa prevede l'imposta sul consumo di manufatti in plastica monouso. Durante il webinar sono state poste numerosissime domande, che abbiamo deciso di sintetizzare e riunire in questo articolo, rendendo accessibili i contenuti a chiunque desiderasse approfondire il tema.

112, 2022
  • Imballaggi: il Decreto MASE che introduce nuove linee guida per l’etichettatura

Il Decreto MASE introduce nuove linee guida per l’etichettatura ambientale degli imballaggi

In data 22 novembre 2022 sono state pubblicate sul sito istituzionale del MASE - Ministero dell'Ambiente e della Sicurezza Energetica - le nuove linee guida ufficiali per le aziende per realizzare una corretta etichettatura ambientale degli imballaggi ai sensi dell’art. 219, c.5 del D.Lgs. 152/06. Il nuovo obbligo di etichettatura entrerà in vigore il 1 gennaio 2023 e prevede, in caso di inottemperanza, sanzioni amministrative da 5000 a 25000 €.

112, 2022
  • Esclusione degli imballaggi dall’etichetta ambientale - recente parere MITE

Recente parere MITE: gli imballaggi esclusi dall’obbligo di etichetta ambientale

A poche settimane dall’entrata in vigore dell’obbligo di etichettatura ambientale degli imballaggi ai sensi dell’art. 219, c.5 del D. Lgs, 152/06, il MITE chiarisce l’esclusione dall’ambito di applicazione della norma per “talune particolari tipologie di imballaggi” per le quali l’obbligo è sospeso fino ad adozione di ulteriore decreto che contenga specifiche misure tecniche, concordate con il Ministero della Salute, da applicare solo per questa tipologia di prodotti

Iscriviti alla nostra newsletter!

riceverai una volta al mese una mail con i più significativi aggiornamenti riguardanti le tematiche del nostro lavoro suddivise per categoria: consulenza ambientale, salute e sicurezza sul lavoro, sistema di gestione, modelli organizzativi, consulenza privacy e formazione.

(leggi l'informativa)

Ci hanno scelto