Il Decreto va ad identificare la Valutazione dei Rischi Incendio per i luoghi di lavoro a basso rischio incendio mentre rimanda al D.M. 03.08.2015, oltre che alle Regole Tecniche Verticali vigenti, la valutazione dei rischi d’incendio in tutte le attività che non sono a rischio basso, come definito nell’articolo 3.
Il decreto
trova applicazione a tutti i luoghi di lavoro (come definiti dall’art.62 del D.lgs. 81/08); per quanto riguarda invece le attività esistenti, si applica solo nei casi indicati nell’art. 29, comma 3 del D.lgs. 81/08 cioè in caso di:

– modifiche del processo produttivo
– dell’organizzazione del lavoro significative ai fini della salute e sicurezza dei lavoratori
– in relazione al grado di evoluzione della tecnica, della prevenzione o della protezione
– a seguito di infortuni significativi
– quando i risultati della sorveglianza sanitaria ne evidenzino la necessità”;

Non si applica ai cantieri temporanei e mobili di cui al titolo IV del D.lgs. 81/08.

I criteri generali di sicurezza antincendio per la progettazione, la realizzazione e l’esercizio dei luoghi di lavoro sono i seguenti:

  • Tra i luoghi di lavoro a basso rischio d’incendio rientrano le attività ubicate in edifici/attività non soggetti a prevenzione incendi (allegato I del DPR 151/2011) e non dotate di regola tecnica verticale (RTV), aventi i seguenti requisiti aggiuntivi:
    • affollamento complessivo inferiore o uguale a 100 occupanti;
    • superficie lorda complessiva inferiore o uguale a 1000 m²;
    • piani situati a quota compresa tra -5 m e 24 m;
    • ove non si detengono o trattano materiali combustibili in quantità significative (per quantità significative di materiali combustibili si intende qf > 900 MJ/m²);
    • ove non si detengono o trattano sostanze o miscele pericolose in quantità significative;
    • ove non si effettuano lavorazioni pericolose ai fini dell’incendio;
  • trattandosi in genere di attività a bassa complessità, i nuovi criteri riprendono la struttura del Codice di Prevenzione Incendi (DM 3 agosto 2018) con un approccio semplificato (da qui il soprannome “mini codice”);
  • sono presenti vari paragrafi indicanti la strategia antincendio per ogni relativa misura:
    • 4.1 Compartimentazione
    • 4.2 Esodo
    • 4.3 Gestione della sicurezza antincendio (GSA)
    • 4.4 Controllo dell’incendio
    • 4.5 Rivelazione ed allarme
    • 4.6 Controllo del fumo e calore
    • 4.7 Operatività antincendio
    • 4.8 Sicurezza degli impianti tecnologici di servizio

Per ulteriori chiarimenti richiedi il supporto di un nostro consulente.

Condividi questo articolo

Iscriviti alla nostra newsletter

riceverai una volta al mese una mail con i più significativi aggiornamenti riguardanti le tematiche del nostro lavoro suddivise per categoria: consulenza ambientale, salute e sicurezza sul lavoro, sistema di gestione, modelli organizzativi, consulenza privacy e formazione.

Articoli correlati