elenco scadenze

Consulenza ambientale

News Consulenza ambientale

  • Regione Lombardia, obbligo di verifica del rischio idraulico impianti esistenti

    Regione Lombardia ha emanato una DGR contenente le disposizioni relative alle verifiche del rischio idraulico degli impianti esistenti di trattamento delle acque reflue urbane, di gestione dei rifiuti e di approvvigionamento idropotabile ricadenti in aree interessate da alluvioni (d.g.r. n. 239 ...

    leggi di più
  • Criteri End of Waste per fresato d'asfalto

    Con il DM 69/2018, in vigore dal 03/07/2018, è stata definita la disciplina sulla cessazione della qualifica di rifiuto di conglomerato bituminoso, ai sensi del D.Lgs. 152/2006 articolo 184-ter. Per “conglomerato bituminoso” si intende il rifiuto costituito dalla miscela di inerti e leganti bi...

    leggi di più
  • Pacchetto economia circolare, pubblicate 4 direttive sui rifiuti

    Sulla Gazzetta Ufficiale Europea del 14 giugno 2018 sono state pubblicate le seguenti Direttive sui rifiuti: Direttiva (UE) 2018/849 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 30 maggio 2018, che modifica le direttive 2000/53/CE relativa ai veicoli fuori uso, 2006/66/CE relativa a pile e accumul...

    leggi di più

Case History Consulenza ambientale

  • Gruppo TEA

    Per il gruppo di aziende facenti capo a TEA di Mantova, che si occupa di servizi idrici integrati, energetici, ambientali e funerari, PQA ha realizzato i seguenti servizi:  -          Progettazione e mantenimento certificazioni ISO 9001/14001/EMAS  -          Valutazione dei ri...

    leggi di più

I.P.P.C. Autorizzazione integrata ambientale

La normativa che disciplina l’IPPC (Integrated Pollution Prevention and Control, ossia "prevenzione e riduzione integrata dell'inquinamento") è il Titolo IIIbis della Parte II del D.Lgs 152/06 e ss.mm.ii., la quale prevede che l’attività di determinate tipologie di impianti che presentano un elevato potenziale di inquinamento, debba essere disciplinata da una "autorizzazione integrata ambientale" - "AIA"-, che racchiude in un unico atto amministrativo il permesso a rilasciare inquinanti in aria, acqua, suolo e che viene rilasciata solo previo rispetto di precise condizioni ambientali.

Tra le attività soggette alla normativa I.P.P.C. (Autorizzazione integrata ambientale) si possono citare diversi esempi:

  • attività energetiche;
  • produzione e trasformazione dei metalli;
  • industria dei prodotti minerari;
  • gestione dei rifiuti;
  • altre attività (cartiere, allevamenti, macelli, industrie alimentari, concerie, etc.).

 

Progetto Qualità e Ambiente offre la propria consulenza per ottenere l'Autorizzazione integrata ambientale (I.P.P.C.) per:

  • predisposizione pratiche per il rilascio dell’Autorizzazione Integrata Ambientale e relativa documentazione tecnica allegata;
  • assistenza per l’adeguamento alle prescrizioni ed il mantenimento dell’Autorizzazione Integrata Ambientale;
  • assistenza nelle comunicazioni periodiche all’Autorità Competente dei dati relativi ai Piani di Monitoraggio.